Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Ornella Vanoni sarà protagonista del grande concerto evento “Senza Fine”, il 28 aprile al Teatro Arcimboldi di Milano, per celebrare la sua lunga carriera. 

Ornella Vanoni, cantante "intellettuale" e impegnata, diva elegante e senza tempo della musica italiana, ha suscitato sin dal suo debutto negli anni sessanta, l’ammirazione del pubblico italiano e degli addetti ai lavori.

Una delle più importanti e riconoscibili artiste della musica dalla voce intensa e sofisticata, calda e graffiante salirà sul palco del Teatro Arcimboldi per una serata che promette di restare impressa nella nostra memoria per molto tempo… senza fine.

I biglietti per la serata evento, prodotto e organizzato da Color Sound e in collaborazione con Friends & Partnerssono disponibili  su TicketOne.it e nei punti vendita e nelle prevendite abituali (info su www.colorsound.com).

RTL 102.5 è Radio Ufficiale dell’evento.

I Green Day sono tornati con "Saviors"! L'album, registrato tra Londra e Los Angeles, è frutto di un notevole lavoro di squadra col produttore Rob Cavallo, vincitore di un Grammy Award e già collaboratore degli album "American Idiot" (2004) e "Dookie" (1994). 

"Saviors", anticipato dal singolo "The American Dream Is Killing Me", attualmente in rotazione radiofonica, è il 14° album in studio di Billie Joe Armstrong, Mike Dirnt e Tré Cool ed è disponibile nei seguenti formati: CD, Vinile Nero, Vinile Nero 180 gr Gatefold e Vinile Rosa. 

Insieme al nuovo brano è stato pubblicato un video musicale in bianco e nero ispirato ad un film noir che vede i Green Day nel bel mezzo di un'apocalisse zombie.  Il videoclip è stato diretto da Brendan Walter e Ryan Baxley e girato a Los Angeles.

La band sarà in Italia il 16 giugno all'Ippodromo La Maura di Milano, in occasione degli iDays, per uno show imperdibile.

Tracklist "Saviors"

1. ‘The American Dream Is Killing Me’
2. ‘Look Ma, No Brains!’
3. ‘Bobby Sox’
4. ‘One Eyed Bastard’
5. ‘Dilemma’
6. ‘1981’
7. ‘Goodnight Adeline’ 
8. ‘Coma City’
9. ‘Corvette Summer’
10. ‘Suzie Chapstick’
11. ‘Strange Days Are Here to Stay’
12. ‘Living In The ’20s’
13. ‘Father To A Son’
14. ‘Saviors’
15. ‘Fancy Sauce’

"Angelic" è una canzone alternative pop, una ballata sull'amore non corrisposto, nello stile di "Jocelyn flores" di XXXTentacion o "Luna" di Smashing Pumpkins. La canzone ha un video musicale girato dal collaboratore di Albert Watson ossia Keith Coleman. La canzone sarà presentata dal vivo in 3 spettacoli a Città del Messico e a Guadalajara e Monterey nel mese di febbraio.

I Love Ghost sono apparsi sia su Rolling Stone che sulla copertina di TIMEOUT di Città del Messico. I Love Ghost sono apparsi anche in Playboy Mexico, American Songwriter, FLAUNT, Alternative Press, Lyrical Lemonade, Earmilk e molti altri.

I Love Ghost sono stati recentemente in tournée in Europa dove hanno suonato al festival Rockpalast trasmesso in tutta la Germania dalla televisione tedesca. A Città del Messico hanno suonato all’Auditorio BB, all’Indie Foro Rocks e al Amazon Gamergy Festival, trasmesso in tutta l’America Latina. Hanno realizzato canzoni con artisti di tutto il mondo tra cui Rico Nasty, Adan Cruz, Teeam Revolver, Geassassin, Mabiland e Tankurt Manas.

Finnegan Bell dei Love Ghost ultimamente è in Messico e sta scrivendo e registrando con molti artisti latini, tra cui Wiplash, Dan Garcia, Ritorukai, Go Golden Junk, ND Kobi, FLVCKKA, Phyzh Eye, Josue, Young Dupe, Blnko, Helian Evans e molti altri. I produttori con cui stanno lavorando in Messico includono Shantra (l’ultimo album dei Santa Fe Klan), BrunOG (nominato ai Latin Grammy) e SAGA. E' in arrivo un intero album con il chitarrista e produttore di Marilyn Manson Tim Skold commissionato da Metropolis Records.

E' disponibile, da martedì 16 gennaio 2024, su tutti gli store digitali "Tempi Interessanti", il singolo d’esordio di Mantovano.

La composizione è figlia del nostro tempo – per l’appunto – è una ballata alternative rock che paradossalmente trae linfa vitale dalla non vita che siamo stati – e siamo – costretti a subire negli ultimi anni: eventi estremi come la pandemia e le guerre ci hanno condotto ad un vero e proprio senso di baratro imminente, di vuoto cosmico. Le liriche si lasciano fecondare da suggestioni quali solitudine, rabbia, distacco e disincanto, è un voler prendere le distanze da tutto ciò che di più disumano ci sta attanagliando.

“Viviamo tempi molto interessanti” – dice Christian Slater nei panni di Mr. Robot, nell’omonima serie televisiva – frase da cui mantovano si lascia ispirare traendone il titolo della sua canzone – che descrive una società individualista che fa del denaro il fine ultimo, tratta tematiche di anarchia, rivoluzione e ribellione verso un mondo perduto: un luogo fisico che è stato abbattuto da reti digitali che aprono intorno a esse spiragli distopici.

Il climax esplicativo si manifesta con acuta intensità soprattutto nel ritornello, spazio in cui viene citato e parafrasato un passo de All’amato me stesso di Vladimir Majakovskij.

Non è un caso: l’opera del poeta futurista infatti descrive perfettamente il senso di sconfitta, impotenza ed inutilità dinnanzi all’essenza duale del mondo diviso tra bene e male, tra materiale e spirituale.

"Tempi Interessanti" si porta avanti in un crescendo emotivo e sonoro facilmente percettibile che giunge al suo culmine massimo nella parte finale, momento in cui l’autore non si risparmia dal porre una domanda e far riflettere il proprio interlocutore: “tu sai fare altrimenti?”.

Dice l’artista riguardo al brano: “E' un processo introspettivo in cui si cercano risposte e si pongono domande, in cui tutto rimane sospeso, in attesa”.

Mantovano è un artista indipendente, cantautore e musicista poli-strumentista calabrese, laureato in Musicologia a Bologna dove presenta una tesi di laurea sull’alternative rock anni Novanta e le sue ripercussioni artistiche e culturali in Italia.

In passato è frontman della band “Sebo” con cui pubblica due Ep – Ombre (2015) e SMAC (2016) – e conquista importanti traguardi come la condivisione del palco con artisti quali Rachele Bastreghi (Baustelle), Modena City Ramblers, Paolo Vivaldi, etc.

Il mood sonoro di Mantovano riflette un carattere antitetico, rivela un sound diretto e violento ma anche etereo e sognante, il tutto corroborato da atmosfere piacevolmente dark.

La sua penna tende ad uno stile molto spesso criptico, elegante e sarcastico, ma che di certo non denigra la leggerezza narrativa di una forma decisamente più diretta.

 

Si intitola “A cena con gli dei” il nuovo singolo di Biagio Antonacci, in radio dal 29 dicembre. Un brano uptempo in perfetto stile Antonacci che anticipa l’uscita dell’album di inediti “L’inizio”, previsto per il 12 gennaio 2024 su etichetta Iris e distribuito da Epic Records/Sony Music Italy.

Il cantautore racconta così il suo nuovo singolo, una canzone potente che parla di relazioni e di consapevolezza: «“A cena con gli dei” è una canzone che parla di inizi, di come sia difficile lasciare andare e di quanto l’ego personale influisca sul processo di consapevolezza. Quando un rapporto finisce restiamo meravigliati. Pensiamo di aver dato il massimo e dunque chi può essere meglio di noi? Solo degli dei. Quando inizia il processo della consapevolezza, che passa anche da una dolorosa solitudine come canto in “la solitudine spreca il tempo di una persona normale”, capisci che spesso le relazioni sono dei “regimi”, fatte di regole. Quando si innescano queste dinamiche qual è la naturale reazione? Spostarsi verso il confine di un rapporto che diventa un terreno minato (“Io sottomesso al regime, mi sposto verso il confine, se cado dentro le spine, se salto sopra le mine, non mi venire a cercare”.) Ormai è tardi, tu sei già a cena con gli dei».

L’inizio” è il sedicesimo disco di studio dell’amato artista milanese e arriva a quattro anni di distanza dal suo ultimo album “Chiaramente visibili dallo spazio”. L’album conterrà anche gli ultimi singoli pubblicati da Antonacci: “Seria” e “Telenovela” pubblicati nel 2022, “Sognami” featuring Tananai e Don Joe (pubblicato durante il Festival di Sanremo) e “Tridimensionale”, la collaborazione con Benny Benassi uscita la scorsa estate.

Nell’ultimo anno Biagio Antonacci ha portato la sua musica nei palazzetti di tutta Italia con il Palco Centrale Tour e nelle location più belle del nostro Paese con Biagio Antonacci Estate 2023, una serie di date che hanno permesso al cantautore di ripercorrere i più grandi successi della sua trentennale carriera.

© 2022 LuMagazine All Rights Reserved. Designed By Swebdesign
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.