Il 17 agosto a Roma la chitarra di Dominic Miller tra Sting e Phil Collins

Per le “Notti di Musica al Castello”, la rassegna promossa dal Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli nell’ambito di ArtCity 2019, sabato 17 agosto a Castel Sant’Angelo (ore 21.00 – Cortile di Alessandro VI),  sarà protagonista Dominic Miller con “Absinthe”.

Cresciuto negli Stati Uniti, formatosi in Inghilterra, Miller ha fatto il giro del mondo negli ultimi tre decenni. Il nuovo disco di Dominic “Silent Light” – esordio di Miller in solo con accompagnamento di percussioni – ha un aspetto molto internazionale, con un influenza latina molto forte in pezzi come “Baden” (dedicato al chitarrista-compositore brasiliano Baden Powell). “Le Pont” ha un’aria parigina da inizio 20° secolo, mentre “Valium” evoca melodie celtiche alla Bert Jansch e “Fields of Gold” è una versione strumentale di una delle ballate più famose di Sting.

Miller è noto da tempo come il braccio destro di Sting alla chitarra – e co-autore tra gli altri del successo mondiale “Shape of My Heart”. Miller ha anche lavorato con artisti del calibro di Paul Simon, The Chieftains, Plácido Domingo e Phil Collins.

Gli eventi di Castel Sant’Angelo rientrano in Art City-Estate 2019, un progetto organico di oltre cento iniziative di arte, architettura, letteratura, musica, teatro realizzato dal Polo Museale del Lazio in musei e altri luoghi d’arte di Roma e della regione, che nasce da una domanda concreta del pubblico di Roma e delle altre città del Lazio.

 

C.S.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi