David William Caruso lancia il singolo “Splendida così”, tratto dall’ Ep in uscita il prossimo autunno. L’artista si racconta a LU Magazine

DWC_Splendida_Cosi_Cover_1440x1440 (1)

David William Caruso, talentuoso cantautore romano, ha pubblicato “Splendida così”, brano dal sound incisivo ed immediato. Dotato di un timbro vocale graffiante ed abile nell’immortalare “attimi di vita” in testi convincenti, si fa notare per le sue peculiarità calcando palchi prestigiosi come quello dell’Auditorium Parco della Musica di Roma ed aprendo i concerti di Gianluca Grignani e Fabrizio Moro.

E’ disponibile, in rotazione radiofonica e in tutti i digital store, il tuo primo singolo ufficiale dal titolo “Splendida così”. Illustraci il brano…

E’ nato molto tempo fa ed è stato custodito in un cassetto per anni. Una persona, per me importante, l’ha ascoltato casualmente e mi ha convinto a lanciarlo. Il testo tratta, nella tematica, un disagio adolescenziale di una o più ragazze che esteticamente non si sentono abbastanza attraenti e che si creano dei problemi che in realtà non esistono. Ho sempre avuto un debole per le ragazze che agli occhi delle altre persone venivano considerate meno affascinanti trovando in loro qualcosa di particolare e di magico che spesso le bellissime ragazze non hanno o nascondono. Credo che siano le imperfezioni a rendere bella, caratteristica, una persona.

Come nascono i tuoi testi?

In pochi minuti, solitamente di notte. Preferisco non ritoccare nulla di quello che scrivo, penso che la prima stesura sia quella più autentica e spontanea. Modificando, correggendo, si rischia di perdere il vero senso che si vuole esprimere in un testo. Le mie canzoni sono ispirate da storie reali, mi guardo intorno e cerco di descrivere ciò che vedo nella quotidianità. Infatti, la maggior parte delle canzoni che ho scritto sono o autobiografiche oppure raccontano storie vere.

Il singolo, accompagnato da un video realizzato da Honiro (etichetta nota nel circuito musicale per aver lanciato artisti di rilievo come Briga, Coez, Rocco Hunt e molti altri), farà parte di un album?

Sarà contenuto in un Ep che uscirà in autunno e che racchiuderà il mio mondo.

Nel brano “Splendida così” oltre ad apprezzare la tua tonalità vocale, somigliante a quella di Fabrizio Moro, è evidente l’ affinità nella melodia nel Vasco degli anni ’80 ed il clamore paragonabile a Rino Gaetano. Chiara intuizione che la tua formazione deriva dai grandi cantautori…

E’ un onore essere accostato a tali personaggi. Per quanto riguarda Fabrizio Moro, abbiamo un retaggio musicale simile. Ho amato molto, nel periodo adolescenziale, un gruppo rock anni ’80: i Guns N’ Roses che hanno un modo particolare di cantare, di giocare con la voce sull’ottava. Ed il mio modo di cantare si avvicina alla tessitura vocale di Moro e di Axl Rose, leader dei Guns.
Rino Gaetano è stato un idolo, ho realizzato la tesina della maturità su di lui. Vasco Rossi come Gianluca Grignani, o il primo Ligabue, hanno influenzato il mio modo di fare musica, anche perchè in Italia sono gli artisti rock per eccellenza.

Quando e come nasce il tuo rapporto con il suono?

Da piccolo. Ho cominciato a suonare presto e a cantare ancor prima. Mio padre suonava la chitarra, il suo repertorio era basato sulla musica, sia italiana che straniera, degli anni ’60 e ’70. Successivamente, mio fratello mi ha indirizzato a seguire i gruppi rock di rilevante importanza e Bruce Springsteen, che è il mio idolo.

David William Caruso

Che considerazione hai dei talent show?

Non li amo anche se ho partecipato ad alcuni provini. Trovo che siano una gara di karaoke dove non emergono le capacità di scrittura, di composizione o di creatività. Chi partecipa ad un talent è spesso un bravissimo interprete. Ce ne sono davvero pochissimi di interpreti che mi hanno emozionato negli anni, come Mia Martini o pochi altri. Solitamente chi scrive ha qualcosa da dare, un pezzo di se, ed è proprio questo che arriva alla gente, che filtra nel cuore e brucia allo stomaco. Quando un brano non lo ”partorisci” non lo vedi crescere e non lo nutri, puoi essere belloccio quanto vuoi, puoi muoverti ed essere sexy ed avere una voce grandiosa ma sei, a parer mio, una meteora. Ed è questo che i talent hanno fatto negli anni: hanno ucciso l’ultima fetta di mercato che già aveva messo ”ko” internet, creando delle star immediate ed effimere.
Se mi vedrete ad un talent ? Non lo so, spero di farcela senza. Ma se ciò dovesse accadere, potrebbero mandarmi via dopo quattro giorni per motivi disciplinari.

Un pregio ed un difetto.

L’essere sincero.

Cosa desideravi da bambino e cosa desideri adesso?

Adesso, più di allora, desidero arrivare a toccare le emozioni della gente, naturalmente con le mie canzoni.

Progetti imminenti, oltre alla promozione del singolo?

Sarò impegnato, nei prossimi mesi, in un tour che mi porterà in diverse città d’Italia.

Buona fortuna!

Grazie.

 

Nunzia Napolitano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi