“Campeggiatori per caso”: format educativo per la difesa dell’ambiente

__

DSC_0093
Si è conclusa l’edizione 2014 del format tv “Campeggiatori per caso” ideato da Michele Lunella e cooprodotto da Massimo Civale, che ha lo scopo di avvicinare l’uomo alla natura e ad averne rispetto e cura.
Il reality, prossimamente in onda su una rete nazionale, ha visto la partecipazione di otto giovani (3 uomini e 5 donne), provenienti da alcune regioni della penisola. I concorrenti (Antonella Panzarea, Arianna Savona, Camilla Antonaroli, Silvia Casali, Francesco Crisci, Francesco D’ Amico, Natale Lanzara, Valentina Zanga) hanno vissuto per una settimana a Nocera Inferiore (SA), a stretto contatto con la natura, sfidando le intemperie, alloggiando in una tenda da campeggio, provvedendo personalmente alla raccolta degli ortaggi per cibarsi, curando la location e realizzando il riciclaggio dei rifiuti.
A trionfare: Antonella Panzarea, concorrente proveniente da Bari. A decretare la sua vittoria sono stati gli stessi partecipanti attraverso le nomination. La vincitrice ha dimostrato di: avere spirito di gruppo, essere laboriosa, sapersi cimentare in qualsiasi prova mostrandosi sempre allegra e cordiale.
Michele Lunella, soddisfatto per la riuscita del progetto, ha dichiarato: “La natura è un dono e va rispettata, amata. Dalla terra nasce la vita ed è premura dell’uomo non contaminarla. ‘Campeggiatori per caso’ vuole sensibilizzare i telespettatori alla difesa dell’ambiente, educarli alla raccolta differenziata e al riciclo. Con gesti quotidiani e semplici è possibile combattere gli sprechi ed avere un atteggiamento più amorevole nei confronti dell’ambiente.
Ho scelto di realizzare il reality in Campania per mostrare al Bel Paese che questa regione non è solo la terra dei fuochi ma c’è tanto altro. In Campania c’è molta terra fertile ed esistono luoghi interessanti, da scoprire.
Oltre alla location, parte del parco Regionale del Fiume Sarno, il format promuove e valorizza l’eccellenza dei prodotti campani, colpiti in modo generalizzato dall’effetto mediatico legato all’interramento dei rifiuti tossici in alcune zone della regione. Non bisogna dimenticare che la Campania contribuisce orgogliosamente al made in Italy sul piano enogastronomico, economico, sociale e culturale. ‘Campeggiatori per caso’, inoltre, evidenzia l’importanza del contatto con la natura, capace di rigenerare corpo e mente e di migliorare l’ attenzione per l’ambiente
”.
Le riprese del talent, dirette dal cameraman Giovanni Polito, illustrano i caratteri e le giornate dei campeggiatori che, dopo tale esperienza, si dichiarano più maturi e sensibili nei confronti della natura.
Non ci resta che attendere per ammirare le avventure degli otto partecipanti, sorvegliati dalla fotomodella Rossana Giano ed unico contatto con la produzione.

Redazione LU Magazine

DSC_0036DSC_0015DSC_0043

DSC_0044

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


DSC_0087
DSC_0061DSC_0065DSC_0123

 

 

 

 

 

 


DSC_0135
DSC_0171DSC_0148

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi