Simona Borioni, prossimamente nelle vesti di Ava Gardner

Simona.BorioniAttrice per vocazione, Simona Borioni, debutta al cinema nel film di Francesco Laudadio “Persone perbene” (1992) e poi recita in alcune pellicole italiane. Ma, la bella attrice, è soprattutto nota per aver interpretato ruoli in varie serie tv.
Attualmente impegnata sul set de “I segreti di Borgo Larici”, fiction di Canale 5, Simona ripercorre le tappe più significative della sua carriera e svela i progetti futuri nella seguente intervista…

 

Simona, stai girando “I segreti di Borgo Larici”. Puoi darci qualche anticipazione sulla serie e sul personaggio che interpreti?

Sarò una governante di una famiglia torinese molto in vista ed al tempo stesso di essa sarò custode di tanti segreti e di essa sarò custode di tantissimi segreti.

E’ da poco terminata la messa in onda di “Bye Bye Cinderella”, sitcom in cui sei protagonista. Cosa porti nel cuore di questa esperienza?

È stata un’esperienza stimolante. Una vera e propria sfida, un genere su cui non mi sono mossa, purtroppo, spesso, nonostante fosse un genere che a me piace.

Il tuo nome è legato molto alla fiction italiana. Ripercorrendo un po’ la tua carriera, dal principio, quali sono le esperienze televisive a cui sei più legata e perché?

Sono legata al film,”Le ultime cinquantasei ore”. Invece, per quanto riguarda il teatro il testo di Marguerite Duras “Incontri segreti”.

Come giudichi la fiction italiana dei nostri giorni? Quali aspetti andrebbero migliorati secondo te e quali sono invece i punti forti?

Credo, come in tutte le cose, che ci siano cose buone ed altre meno. Sicuramente la Tv e la fiction in genere hanno reso la figura dell’attore più “raggiungibile” annullando così il “divismo” e questo non credo sia un male.

Simona-BorioniPer quanto riguarda invece il cinema, hai fatto parte di film diretti da grandissimi registi di generi diversi, come Sergio Martino, Tinto Brass, Claudio Fragasso. Raccontaci un po’ come sei stata diretta da ciascuno di loro e quali aspetti ti sono rimasti più impressi?

Sono tutti grandi maestri con i quali ho avuto l’onore ed il piacere di lavorare. Io mi predispongo sempre con un animo molto disponibile e accomodante al servizio di ciò che mi viene richiesto. Da ognuno, come sempre, ho provato ad imparare qualcosa.

Quali altre esperienze cinematografiche porti nel cuore e perché?

Come dicevo prima, sono molto legata al film “Le ultime cinquantasei ore” ed a tutto ciò che per me ha rappresentato.

Sogni nel cassetto? Hai qualche altro progetto per il futuro ben definito e che ti piacerebbe anticipare?

C’è in atto un bel progetto teatrale sulla biografia di Frank Sinatra. In tale progetto interpreterò un personaggio splendido, che mi entusiasma: la moglie di The Voice, Ava Gardner.

 

Stefano Telese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi