Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Tag: Magna Graecia Film Festival 2018

Magna Graecia Film Festival 2018: ecco i premi della XV edizione

Si chiude con le premiazioni la XV edizione del Magna Graecia Film Festival, dedicata alla memoria dell’indimenticato Maestro Vittorio De Sica, ideata e diretta da Gianvito Casadonte, con Silvia Bizio presidente del Comitato artistico e dedicata alle opere prime e seconde, che si è tenuta, a ingresso gratuito, presso il porto di Catanzaro.
Un grande successo di pubblico, che ogni sera ha riempito lo spazio al porto e animato i dibattiti finali con i registi e i protagonisti dei film presentati.
La giuria del festival, formata dal Presidente, il regista Paolo Genovese e da Edoardo Leo, Dino Abbrescia, Valentina Lodovini, Pierfrancesco Favino e Vittoria Puccini ha così decretato:

Miglior Film
“Easy – Un viaggio facile facile”, di Andrea Magnani
Motivazione: per un nuovo modo di rappresentare la commedia italiana, privilegiando meno la parole e dando maggiore spazio all’espressività corporea e alla mimica facciale.

Miglior Regia
Paolo Sassanelli per “Due piccoli italiani”
Motivazione: dopo essersi cimentato in una serie di corti pluripremiati, conferma nella sua opera prima la capacità di esprimere un immaginario visionario e una grande abilità nella direzione dei suoi attori.

Miglior attrice
Isabella Ragonese in “Il Padre d’Italia”
Motivazione: per essere riuscita a regalare a un personaggio essenziale e semplice una tridimensionalità inaspettata.

Miglior attore
Nicola Nocella in “Easy – Un viaggio facile facile”
Motivazione: per la sua capacità di aver dato vita a un personaggio desueto nel mondo del cinema con tratti distintivi e unici.

Miglior sceneggiatura
Paola Randi e Massimo Gaudioso per “Tito e gli alieni”
Motivazione: per la capacità di affrontare un argomento complesso come la perdita e il lutto con la semplicità di un linguaggio infantile e di una ambientazione inusuale, sempre in bilico fra realtà e fantasia.

 

C.S.

Vittoria Puccini, Marcello Fonte, Tony Sperandeo, il 4 agosto al Magna Graecia Film Festival

Ottava giornata, sabato 4 agosto, di incontri e proiezioni della XV edizione del Magna Graecia Film Festival, dedicata alla memoria dell’indimenticato Maestro Vittorio De Sica, ideata e diretta da Gianvito Casadonte, con Silvia Bizio presidente del Comitato artistico e dedicata alle opere prime e seconde, che si tiene, a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, presso il porto di Catanzaro, fino al 5 agosto 2018.
Il programma di domani, prevede alle ore 17:00 presso il Teatro Comunale di Catanzaro, la masterclass di Zahi Hawass, archeologo ed egittologo egiziano, Segretario generale del Consiglio supremo delle antichità egizie, che ha scelto il palcoscenico del Magna Graecia Film Festival per presentare le sue recenti scoperte archeologiche e per annunciare un evento che accenderà i riflettori del mondo intero sull’Egitto. Invitato dal Gianvito Casadonte, l’egittologo più famoso al mondo, in una speciale lectio magistralis – sabato 4 agosto – al Cinema Teatro Comunale del capoluogo calabro, illustrerà per la prima volta le ultime novità rinvenute nella Valle dei Re e i recenti lavori di ricerca inerenti le camere segrete della piramide di Cheope. Attraverso un’avvincente esposizione, l’ex Ministro delle Antichità egiziane, esporrà nei particolari lo stato di avanzamento degli scavi, destinati a cambiare prospettiva all’archeologia egizia e alla stessa storia del periodo faraonico.
A far da speciale corollario all’intervento, peraltro, Hawass annuncerà sul palco anche il protocollo d’intesa con lo scrittore e giornalista Francesco Santocono, già ospite lo scorso anno a Catanzaro per la presentazione della tragedia egizia “Il loto e il papiro”, e con il musicista Lino Zimbone, per la realizzazione di un’opera lirica dedicata al Faraone Tutankhamon, di cui si festeggerà a breve il centenario del ritrovamento, da mettere in scena per la cerimomia inaugurale del nuovo Museo Egizio de Il Cairo che si terrà presumibilmente entro il 2020. Così come accaduto nel 1871, quando il governo egiziano chiese a Giuseppe Verdi di comporre l’Aida per l’inaugurazione del Canale di Suez, anche per l’apertura del nuovo Museo ci si prepara a una cerimonia in grande stile, alla presenza di numerose personalità provenienti da tutti il mondo, capace di suscitare l’entusiasmo necessario per il rilancio del settore del turismo, fondamentale per l’economia dello stesso Egitto.
A seguire, sempre al Teatro comunale, la proiezione di “Caravaggio – L’anima e il sangue”, diretto da Jesus G. Lambert, che sarà presente alla proiezione, un viaggio senza precedenti che offre un’esperienza cinematografica emozionale, inquieta e quasi ‘tattile’ della vita, le opere e i tormenti di Caravaggio. Dal punto di vista tecnico il film sperimenta, tra i primi in Italia, il formato 8K e Cinemascope, per un’immersione nelle immagini di Caravaggio di fortissimo impatto visivo e assolutamente inedita e pionieristica.
La serata al porto di Catanzaro, con la presentazione della conduttrice radio e tv Carolina Di Domenico prevede la presenza sul palco degli attori Vittoria Puccini e Marcello Fonte e Tony Sperandeo. Quindi la proiezione in anteprima nazionale della serie “L’Involontario” con la presenza dell’autore Ugo Vivone e il conduttore tv, qui in veste di attore Marco Maccarini. Si tratta della prima serie realizzata in un vero ospedale, l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, con la produzione dell’ organizzazione no profit calabrese Officine Buone, che rappresenta un’eccellenza nel sociale a livello nazionale, in partnership con Fondazione Cariplo. Una fiction in cinque puntate che confina con il reality e racconta le vicende del giovane neolaureato Ettore, fattorino a tempo determinato che deve consegnare una lettera in ospedale e si innamora di una giovane specializzanda (la cantante e youtuber Giulia Penna). Deve così trovare il modo di tornare in corsia più volte possibile per provare a conquistarla e decide di fingere di essere un volontario di una no profit che organizza un contest musicale in ospedale (il talent buono Special Stage). Si scoprirà puntata dopo puntata se Ettore potrà diventare un vero volontario e se riuscirà a conquistare Giulia, con molti colpi di scena e importanti ospiti della musica e dello spettacolo italiani, che arricchiscono con la loro presenza le storie raccontate. Quindi, il cortometraggio “Buongiorno”, di Nicola Giampà, che affronta il tema dell’immigrazione e a seguire “In campo con il cuore per la legalità”, di don Gaudioso.
A seguire, proiezione del lungometraggio “Donkey Flies – Asino Vola”, diretto da Paolo Tripodi e Marcello Fonte, che ha recentemente vinto il Premio come Miglior Attore al Festival di Cannes per “Dogman” e che sarà presente alla proiezione. Maurizio è un bambinetto caparbio, cresciuto tra mille avventure solitarie nella fiumara, un piccolo ruscello quasi sempre asciutto dove la gente butta quello che non gli serve più e ha fatto di quella discarica il suo magico parco giochi, ed è lì che matura il sogno di far parte della banda musicale del paese. Il primo a cui Maurizio ha confidato della sua passione è Mosè, il suo amico asino, sempre pronto a consigliarlo e incoraggiarlo, al contrario di N’Giulina, la gallina un po’ bisbetica che lo stuzzica, ingigantisce le sue paure e dipinge i suoi sogni come inutili fantasie. Maurizio inizia a seguire le lezioni nella banda del paese con gli altri bambini, ma presto resta l’unico senza strumento musicale. Tra i buoni consigli di Mosé e i dispetti di N’Giulina, si moltiplicano le avventure alla ricerca dello strumento. Ma Maurizio sa che nella situazione in cui si trova non può sbagliare: se vuole realizzare il proprio sogno dovrà essere determinato fino alla fine.
Lo spazio dedicato ai libri prevede, presso l’Hotel Perla del Porto di Catanzaro Lido, grazie alla moderazione della giornalista Donatella Soluri, alle ore 17:30, la presentazione di “Kinstugi – Per aspera ad astra ”, di Marisa Provenzano. Kintsugi letteralmente significa “riparare con l’oro”, si tratta di una tecnica giapponese che utilizza oro, argento liquido o lacca con polvere d’oro per riparare oggetti in ceramica e saldarne assieme i frammenti. Il Kintsugi ha una metaforica affinità con l’opera del poeta che attraverso la parola può ridare vita e bellezza anche a momenti tristi e bui. Alle 18:30, la presentazione de “Il respiro del tempo”, di Giovanni Cacia. La poesia ha la forza di trasmettere e di evocare bellezza e speranza. Nel Respiro del Tempo nulla andrà perduto: l’emozione, a forma di poesia, lascia risuonare un’anima amante.

C.S.

Oliver Stone ospite il 2 agosto al Magna Graecia Film Festival 2018

Sesta giornata – domani, giovedì 2 agosto – di incontri e proiezioni della XV edizione del Magna Graecia Film Festival, dedicata alla memoria dell’indimenticato Maestro Vittorio De Sica, ideata e diretta da Gianvito Casadonte, con Silvia Bizio presidente del Comitato artistico e dedicata alle opere prime e seconde, che si tiene, a ingresso gratuito fino a esaurimento posti, presso il porto di Catanzaro, fino al 5 agosto 2018.
Il programma di domani, si apre alle ore 14:00 con la proiezione, presso il Teatro Comunale di Catanzaro, in versione originale e per la prima volta in Italia nella sua versione Director’s Cut, del lungometraggio “Alexander”, film storico del 2004 diretto da Oliver Stone e interpretato da un ricco cast che vede attori come Colin Farrell, Angelina Jolie, Val Kilmer, Jared Leto, Anthony Hopkins e Jonathan Rhys-Meyers.
Il film è incentrato sulla storia di Alessandro Magno, dalla sua infanzia sino alla sua ascesa sul trono di Macedonia, per poi narrarne la conquista dell’Oriente. A seguire, alle ore 18:00 con la masterclass del regista, produttore e sceneggiatore statunitense Oliver Stone, moderata dalla giornalista Silvia Bizio.
La serata al porto di Catanzaro, con la presentazione della conduttrice radio e tv Carolina Di Domenico, prevede alle ore 21:30 la premiazione di Oliver Stone che riceve il Premio Colonna D’Oro realizzato dal Maestro orafo Michele Affidato e una scultura in vetro del Maestro Silvio Vigliaturo. Quindi, la proiezione di un abstract del documentario “Be kind – un viaggio gentile nel mondo della diversità”, il racconto delle storie di persone che hanno fatto della loro la differenza un talento, diretto da Sabrina Paravicini e Nino Monteleone, che saranno presenti alla proiezione.
A seguire la proiezione dell’abstract del lungometraggio “Io resto qua”, di Gianluca Sia, progetto sulla prevenzione dei tumori, con una sceneggiatura tratta da una storia reale, creando l’attenzione sociale e mediatica su temi come la prevenzione, la fede, l’amore, il coraggio, la maternità. Quindi, l’attesa proiezione del lungometraggio “Easy – Un viaggio facile facile”, opera prima di Andrea Magnani, che sarà presente alla proiezione. Il film, interpretato da un ricco cast, tra cui Nicola Nocella (vincitore del Premio come Miglior Attore al Festival di Locarno 2017), Libero De Rienzo e Barbara Bouchet, racconta di Isidoro, da tutti conosciuto come Easy, è solo, con molti chili di troppo e depresso. La sua carriera di giovane pilota di go-kart è stata interrotta quando ha iniziato a prendere peso tanto da non riuscire più ad entrare nell’abitacolo della macchina. Tornato a vivere con la madre, dorme nella stessa cameretta di quand’era bambino, e passa la giornata guardando la tv e mangiando cibo dietetico. Un giorno, il fratello più piccolo, uomo affascinante e di successo, gli offre un piccolo, semplice lavoro: trasportare la bara con il corpo di un muratore ucraino, dall’Italia ad un piccolo villaggio dei Carpazi, in Ucraina. Ma tre giorni di viaggio in una terra sconosciuta possono essere più difficili di quanto ci si aspetti…
Lo spazio dedicato ai libri prevede, presso il Complesso Monumentale San Giovanni di Catanzaro, grazie alla moderazione della giornalista Donatella Soluri, alle ore 17:00, la presentazione del libro autobiografico “Io Antonella, amata da Franco ”, di Antonella Lualdi Interlenghi e Diego Verdegiglio.

C.S.