Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Category: Interviste

Ultimo: “Nella musica ho trovato la mia isola che non c’è”

Ultimo, all’anagrafe Niccolò Moriconi, inizia a scrivere le sue prime canzoni all’età di 14 anni.
Nel 2016, il “cantautorap” (come ama definirsi), vince il contest per gruppi e solisti emergenti di musica hip hop italiana promosso dalla Honiro, intraprende una collaborazione con l’etichetta,  e nel marzo 2017 pubblica il suo singolo d’esordio “Chiave”. Lo scorso 6 ottobre debutta con il suo album d’esordio dal titolo “Pianeti” e nel 2018 conquista il primo posto del podio della 68ᵃ edizione del Festival di Sanremo nella sezione “Nuove Proposte” con “Il ballo delle incertezze”.

Come mai hai scelto “Ultimo” come nome d’arte?

Da sempre mi schiero dalla parte delle persone più deboli, di chi non può parlare, così ho scelto il nome d’arte. Vivo a Roma e sono cresciuto con gente semplice, che non ha pretese, che crede nei valori veri. Ho bisogno di far capire da subito chi sono a coloro che mi ascoltano, ovvero una persona vera.

Cosa provi nell’essere il vincitore della categoria “Nuove Proposte” della 68ᵃ edizione del Festival di Sanremo?

Una soddisfazione immensa che arriva dopo dieci anni di studio di pianoforte, di composizioni, di tanti sacrifici e piccoli concerti nei locali. Sono un fan del Festival e lo seguo da sempre per cui, essere tra i protagonisti e conquistare la vittoria, è un onore. Questo premio è la consacrazione di un percorso ma l’inizio di un altro.

Hai vissuto in prima persona la condizione degli emarginati cantata nel brano “Il Ballo delle incertezze”?

Da bambino non avevo un carattere facile e scappavo di continuo da scuola, mi sentivo inadatto in ogni realtà. Col tempo ho saputo distinguere i giudizi inutili della gente da quelli costruttivi. Forse sono stato anch’io ad auto-escludermi ma dovevo capire cosa si provava ad essere “ultimi” prima di poter scrivere per loro.

Descrivi brevemente “Peter Pan”, il tuo nuovo album…

“Peter Pan” è un disco che, oltre al brano sanremese, contiene 15 inediti e risalta le fragilità dell’uomo. Nelle mie canzoni le fragilità rappresentano i punti deboli e quelli forti. Immaginatelo così: c’è un osservatore e il quadro (osservato appunto). L’osservatore pian piano si avvicina al quadro; da due metri ad uno, da uno a mezzo metro, ecc., fino a ritrovarsi con l’occhio attaccato alla tela del disegno. Ed è proprio in quel momento, quando ha solo un colore davanti, che comprende il senso dell’opera. Ecco: quest’album ha il compito di “zoommare”, passatemi il termine, sulle cose già piccole della vita, fino a farle diventare piccolissime, fino a farle diventare noi.

Quanto ti somiglia Peter Pan?

Molto; cerco di rappresentare un pò l’immaginazione, la fantasia, che è espressa nel famoso cartone animato. Nella musica ho trovato la mia isola che non c’è, un rifugio dalla quotidianità dove poter lasciare libera l’immaginazione.

A maggio partirà il “Peter Pan Live Tour 2018”, sei emozionato?

Tanto. Sono felice anche perché alcune date sono già sold out. Il tour prenderà il via il 4 maggio all’Estragon di Bologna e proseguirà il 5 al Gran Teatro Geox di Padova, l’8 al Teatro della Concordia a Venaria Reale (TO), l’11 al Fabrique di Milano, il 12 e il 13 all’Atlantico Live di Roma, il 17 al Demodè Club di Bari, il 18 alla Casa della Musica di Napoli, il 20 all’Afterlife di Perugia, il 25 all’Obihall di Firenze e il 26 di nuovo a Milano. Non vedo l’ora di vivere questa esperienza!

Redazione LU Magazine

Cafiero: “La musica è magia”

Cafiero, il musicista dall’anima rock blues, pubblicherà a settembre il suo omonimo album, “Cafiero”, il primo ufficiale di una carriera illustre. Il disco, prodotto da Andrea Tripodi, racchiude l’essenza dell’ artista, dotato di grande sensibilità, passione, talento, determinazione.
Cafiero desta meraviglia e fascino per la stesura dei testi e per il suono ammaliante, corposo e ricercato.
Nell’attesa di ascoltare l’atteso lavoro, l’artista ripercorre una parte del proprio percorso professionale e rivela qualche dettaglio sul disco e su un nuovo progetto.

Cafiero, manca poco all’uscita del tuo disco d’esordio; come vivi l’attesa?

Sinceramente, non vedo l’ora! Come in tutte le cose in cui si impiega energia ed impegno, proprio agli sgoccioli, si inizia ad avere un forte desiderio che tutto sia pronto.

Un aggettivo per descrivere la tua opera…

Coraggiosa; non tanto per aver fatto qualcosa di “strano” ma per aver messo a nudo una parte di me, molto semplice e diretta.

Qual è il filo conduttore di “Cafiero”?

E’ la passione che va oltre i generi o gli stili.

Come nascono le tue canzoni?

Nascono da esperienze di vita, da sentimenti, da suoni o pensieri.

Vanti un’ampia formazione musicale e prestigiose esperienze. Qual è lo stile più affine alla tua personalità?

Sicuramente ciò che a me viene più naturale ed istintiva è l’espressione blues, non solo per il genere musicale ma per l’approccio diretto ed istintivo che ho con questo stile.

La musica è…?

Magia.

Quando hai capito di fare della tua più grande passione la tua professione?

L’ ho capito dalle prime note suonate con la prima chitarra. Dall’ approccio con tale strumento ho percepito che la musica sarebbe stata parte del mio percorso, la mia stessa vita.


La cover dell’album “Cafiero” (realizzata da Daniele Pratolini), omaggio alla musica rock ed espressione di purezza creativa, attesta l’amore viscerale che il cantautore nutre per la musica sin dai primi anni di vita ed evoca, attraverso la grafica colorata, il potere che le canzoni esercitano, come i colori, sull’essere umano.

Pensando alla prima band, formata insieme a tuo fratello e tua sorella, qual è la prima cosa che ti balza alla mente?

La serietà super professionale che avevamo fin dagli esordi. Eravamo molto esigenti con noi stessi; ci divertivamo molto ma mantenendo sempre una certa compostezza perché avevamo costantemente riferimenti ed ascolti importanti.

Quanto ha inciso il percorso con i Super Reverb su quel che sei, attualmente, musicalmente?

Tantissimo. Con i Super Reverb ho fatto migliaia di concerti suonando solo e sempre rock’n’roll che può sembrare semplice e divertente ma in realtà è difficilissimo perché ha bisogno di tanta energia ed esperienza.

Nel 2014 hai pubblicato “Suck my Blues” lavoro discografico realizzato in veste di produttore/autore/cantante e chitarrista di brani inediti (blues, rock e funk) in lingua inglese. A distanza di qualche anno, come giudichi quell’esperienza?

Ricordo di aver scritto quei brani in un solo pomeriggio, di getto e in inglese, che ho registrato in pochi giorni. E’ stata un’avventura spontanea, il primo passo di una bellissima esperienza che continuerò in futuro cercando sempre di esprimermi istintivamente.

La critica più costruttiva ricevuta?

A dire il vero non sono uno che ama le critiche e non amo criticare mai nessuno; credo nei buoni consigli di chi sprona ad essere migliore. Criticare è sempre più facile di provare a costruire.

Cosa vuoi che arrivi di te alla gente?

Le mie emozioni… dove ogni ascoltatore può rivedersi sentendole proprie.

Il tuo desiderio ricorrente…

Un tour negli Stati Uniti.

Progetti imminenti?

Ho da poco finito di registrare qualche brano con un nuovo progetto chiamato “Lontano dalla Terra” realizzato con Antonio Marcucci, Marco Pisanelli e Francesco Stoia. Si tratta un lavoro molto rock ma con un messaggio ben preciso che vogliamo dare a chi ci seguirà. Già dal nome del progetto che “suona” diverso da ciò che normalmente sono i vari nomi da band esistenti è facile intuire il desiderio di prendere immediatamente le distanze da tutto ciò che non va su questo pianeta, da ciò che non ci piace ma non con l’indifferenza tipica dei tempi ma con la sensibilità di chi vuole risvegliare qualcuno dal suo torpore, sensibilizzando attraverso i testi e la musica, tracciando uno stile differente da tutto ciò che ora gira intorno musicalmente.

In bocca al lupo per tutto!

Crepi!

 

 

 

 

 

 

 

N. Napolitano

 

 

Luca Napolitano: “Oggi sono un cantautore e un musicista consapevole”

Luca Napolitano

Luca Napolitano, cantautore e polistrumentista, sta per tornare sulla scena musicale con un lavoro discografico sorprendente. Conclusa con successo l’esperienza “live” a Casa Sanremo 2017, l’artista si sta totalmente dedicando alla lavorazione del suo quinto album in studio, che sarà lo specchio di una maturità artistica e personale acquisita con l’apprendimento, l’esperienza, e la passione di chi ama la propria professione.

Luca, sei stato recentemente ospite a Casa Sanremo, come hai vissuto questa bella esperienza?

L’esperienza sanremese è sempre un’opportunità ed una vetrina importante. Sono stato felice di essere tra gli artisti ospiti di Casa Sanremo, che in questo 2017 ha compiuto dieci anni. Con piacere ed orgoglio sono tornato nella città ligure proponendo alla platea del Palafiori un medley caratterizzato dai miei brani ed un personale omaggio a Luigi Tenco. Inoltre, è stata l’ occasione per incontrare colleghi, musicisti, giornalisti, produttori.

Il tuo ultimo singolo “Ci Whatsappiamo” è un brano che ha sapore di modernità e racconta di come sono cambiati i rapporti con l’avvento dei social e delle app nella società odierna. Come mai hai scelto di trattare questa tematica?

“Ci Whatsappiamo” affronta le tematiche dei social, ma non solo, diciamo che ne dà una lettura profonda. Snocciola quelli che sono i punti salienti delle realtà virtuali, i suoi incastri psicologici, la sua visione superficiale delle cose e delle persone ed allo stesso tempo evidenzia la sua potenzialità se usata bene. Ho scelto questa tematica dopo un’ attenta osservazione della realtà ed essendo un social attivo, sia nella vita privata che in quella artistica, ho voluto raccontare in una canzone i pericoli e le opportunità che offrono i social network.

Cantare è…?

Donare me stesso, tutto ciò che sono, tutto ciò che ho. Significa passione , lotta e perfezione.

Quanto ha influito sulla tua carriera il format “Amici” di Maria De Filippi?

“Amici” è stata una vetrina/palestra importante. Il talent mi ha reso noto al grande pubblico segnando il mio percorso artistico che si è evoluto negli anni. Anni di lavoro durante i quali mi sono messo alla prova: ho imparato ad ascoltarmi, a riscoprire nuovi lati della mia personalità. Ho coltivato il dono della scrittura, diventando autore di tutti i miei brani.

luca_napolitano_

A quale dei tuoi album ti senti più legato?

Con il primo album ho un legame inscindibile perchè rappresenta la prima vera realizzazione. Sono molto legato al primo singolo “Forse Forse” ed anche a Maria De Filippi che lo ha considerato giusto per le mie corde. Il primo EP mi ha consacrato nel firmamento della musica italiana ed è il disco che ha creato un legame forte tra me e il mio pubblico.

Sei testimonial nel sociale, quanto è importante per un cantante usare la sua fama a scopi benefici?

Credo che noi artisti abbiamo il dovere di donare agli altri ciò che noi riceviamo ogni giorno, con la nostra arte, mettendo la musica e la nostra vita anche al servizio del prossimo e di chi ha bisogno di noi.

Chi è Luca Napolitano oggi?

Un cantautore e un musicista consapevole.

Progetti imminenti?

Attualmente sono impegnato con la realizzazione del nuovo album. Nel progetto troverete tante sfumature e lati inediti della mia persona; un uomo maturo, critico e realista, che vuole più fuoco nella propria vita.

 

 

Anna Lamonaca