Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Category: Curiosità

Nasce a Napoli la prima lavanderia per sneakers

Buone notizie per i fashion addicted: arriva in Campania la prima lavanderia per sneakers in via Arcoleo 26 – 28 a Napoli da Started1. “Una moda già esplosa negli Stati Uniti – commenta Carlo Tedesco, patron del Concept Store specializzato in shoes limited edition – che consiste in una pulizia accurata, approfondita e fatta a mano.
Il servizo di Sneakers Laundry è una pratica che rientra nel nostro concetto di vendita a partire dal format di successo della Custom Made che consente di indossare qualcosa di unico, personalizzato e non omologato”. Infatti, al secondo piano di Started1 c’è un vero e proprio laboratorio capace non solo di lavare le scarpe ma anche di personalizzarle al 100%.
Lo Store, punto di riferimento per intenditori e appassionati di sneakers, punta anche su una architettura innovativa: arredi vintage e ricercati fanno da cornice a uno staff professionale e preparato. Legendary brands, atmosfera out of the box e l’infinita scelta di modelli dipingono un melting pot di stili all’avanguardia propri di chi decide di non seguire la moda, ma di dettarla. Le novità non finiscono qui perché Started1 annuncia l’arrivo anche di due prestigiosi marchi internazionali: Nike e Adidas, in particolare le linee Quickstrike e Jordan, che si affiancano ai già presenti Saucony, Puma, Diadora, Reebok, Converse, Karhu, Pony, Womsh, Eastpack, Herschel, Marshall, Jasomarkk, Crep, Mr Boho e NewEra. Per venire incontro alle esigenze della Clientela, “Started1” non solo raddoppia aprendo anche in via Arcoleo 25-26, Store destinato ai più piccoli, ma inserisce anche il servizio di Sneakers Delivery con consegna in 24 ore (valido solo per l’area di Napoli) per gli acquisti effettuati attraverso l’e-commerce.

 

 

A.S.

Addio braccia di ferro, le donne in un uomo notano gli addominali

Uomini, è tempo di irrobustire maggiormente le fasce muscolari interessanti allo sguardo femminile: gli addominali.
Il vigore mascolino, che l’immaginario collettivo ha fatto coincidere a lungo con braccia possenti e petto robusto, è adesso rappresentato dagli addominali, la parte del corpo che più di altre pare catturi l’attenzione del gentil sesso. A sostenerlo è uno studio condotto dalla Geneva University Hospitals e pubblicata sulla rivista “Sexology” che ha chiesto a un gruppo di volontari, sia maschi che femmine, di guardare 120 foto di persone in costume da bagno per valutare quali fossero le più attraenti.
I risultati sono chiari: le donne provano maggiore desiderio sessuale per quelli che avevano muscoli tonici e scolpiti nella zona addominale.
Il dettaglio attrattivo avrebbe anche una spiegazione scientifica, considerando che l’addome maschile sarebbe considerato inconsciamente un indicatore dei livelli di testosterone.
Per quanto riguarda gli uomini, invece, il loro sguardo sarebbe stato rapito dal seno e dalle parti intime delle donne mostrate nelle foto.
Con questo studio abbiamo capito che la visione gioca un ruolo importante nel desiderio sessuale” hanno spigato i ricercatori, certi che la decantata ‘tartaruga’ possa rivelarsi il dettaglio prezioso a prova di conquista.

 

 

 

Redazione LU Magazine

Depressione, dormire meno aiuterebbe a ridurre i sintomi della patologia

Dormire meno potrebbe ridurre la depressione. E’ l’affermazione un maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry, basato sull’analisi dei dati di 66 studi condotti in oltre 36 anni di ricerca su questa materia.
Dalla analisi, coordinata da Philip Gehrman della Perelman School of Medicine della University of Pennsylvania, è emerso che dormire per 3-4 ore e per le restanti 21-20 restare svegli migliora i sintomi della depressione molto rapidamente, anche nel giro di un giorno, a differenza dei farmaci specifici che iniziano a funzionare dopo settimane di utilizzo.
Dallo studio è emerso anche che la metà dei pazienti depressi, indipendentemente dal sesso e dal tipo di depressione, possono giovarsi di questa terapia non farmacologica e ad effetto rapido.
Resta da capire in che modo la carenza di sonno, ovviamente gestita da uno specialista e non con il ‘fai-da-te’ che potrebbe portare solo a tanta stanchezza e conseguenze negative, eserciti i suoi effetti antidepressivi rapidi.

 

 

 

Redazione LU Magazine