Serena Rigacci una pisana nel mondo

In Ottobre Serena Rigacci ha esordito in una veste inedita con un progetto internazionale nel quale si misura con i grandi della musica Urban e Trap. Il brano “Overseas” con Alkaline feat Famous Dex, ha fatto da apripista a una serie di uscite discografiche, con le quali riuscirà a sorprendere. Giovanissima performer, Serena ha le idee molto chiare, su quale sia la strada da percorrere. Tenace e impegnata, frequenta con ottimi risultati l’ultimo anno del liceo linguistico, nonostante i tantissimi impegni di lavoro. Oggi Serena si racconta per noi con la leggerezza dei suoi diciotto anni e dei mille colori con i quali tinge i suoi capelli. Serena ha esordito a soli otto anni su Rai 1 a Ti Lascio una canzone con Antonella Clerici e poi Punto su di te condotto da Elisa Isoardi e Claudio Lippi. Da lì ha partecipato a moltissime trasmissioni televisive Rai e Mediaset, per poi sbarcare in Europa arrivando seconda a X-Factor Ungheria. Negli ultimi due anni è stata protagonista, insieme a Fiordaliso, nel Musical La Sirenetta, nel ruolo di Ariel. Serena studia chitarra, pianoforte, ballo, canto e recitazione, consapevole che per realizzare il suo sogno il talento, da solo, non basti.

Serena cosa farai da grande?

Ho cominciato questa carriera a sette anni e quindi vorrei realizzare il mio sogno di fare la performer e di cantare e ballare potendomi esibire dialogando con il mio pubblico. Il mio piano B, prevede l’università e non mi dispiacerebbe frequentare psicologia. Un’altra mia grande passione sono gli animali che in casa nostra non sono mai mancati, per cui anche veterinaria mi affascina parecchio. Cerco di riflettere cercando di capire come poter coniugare lo studio con il mio lavoro e la mia carriera, alla quale tengo tantissimo e per la quale sono consapevole di avere sacrificato buona parte del mio tempo, rinunciando ai giochi e la leggerezza dei miei coetanei. I miei parchi giochi erano i palchi, che con le loro luci mi attiravano e divertivano!

Serena, qualche giorno fa hai cantato dal vivo a Italia con Voi, su Rai Italia con, al piano, il maestro Palatresi. Dopo tanto tempo che effetto ti ha fatto?

E’ stato bello, come tornare a casa. Cantare dal vivo mi ha emozionato tantissimo. Tra l’altro ho cantato un pezzo di Giorgia che non interpretavo più da tempo e mi ha fatto davvero molto piacere. Essere magistralmente accompagnata da un musicista come Palatresi, un vero onore. Nonostante in questo momento stia lavorando su un genere di musica molto diversa, ho interpretato moltissime cover nelle fasi di XFactor Ungheria e anche nelle trasmissioni televisive. Mi piace sperimentare e non metto mai limiti alla mia voglia di mettermi in gioco, così come cambio facilmente il colore dei miei capelli.

Quanto ti manca il palco? Come vivi l’esibizione dal vivo?

Mi manca tantissimo e non vedo l’ora di potermi esibire dal vivo. Sono consapevole che per stare sul palco il talento non sia sufficiente, ma ci voglia impegno e tanto lavoro. Sono ambiziosa e determinata e grazie alla grande passione che ho per il mio lavoro, non mi stanco mai di ricercare la perfezione in tutto quello che faccio. Prima di salire sul palco, mi sento un pugile che sale sul ring. Poi quando canto, è un’esplosione di energia che poi mi lascia svuotata, sfinita. Se dovessi dire che sono agitata o che mi prende il panico, mentirei. E’ davvero adrenalina pura che ho bisogno di incanalare e liberare con la mia performance. Una sensazione che mi accompagna sempre e che fa parte di me. Sono timida e ho dovuto fare i conti con quest’aspetto del mio carattere che la musica ha “curato”. Una persona in particolare mi ha insegnato a “gestire” questo mio limite, la vocal coach che mi ha seguito a XFactor Ungheria e alla quale sarò per sempre grata.

In un anno che ti vede protagonista di un bel progetto dal respiro internazionale, purtroppo a causa della situazione, non hai potuto cantare dal vivo il tuo nuovo pezzo Overseas. Come passi queste giornate che sembrano un po’ sospese?

Cerco di adattarmi, come tutti, al difficile momento che stiamo vivendo. Non posso lavorare come di consueto, in palestra o con il ballo, ma cerco tuttavia di fare da sola. Inoltre, grazie alla tecnologia, improvviso dirette su Instagram per rimanere in contatto con i miei fans e continuare a dialogare con loro, aspettando di poter tornare ad esibirmi. Sono sempre concentrata sui miei obiettivi e questo tempo sospeso, non mi ferma…anzi ne approfitto per lavorare a nuove idee. Sono felice ed entusiasta di mettermi alla prova con un genere musicale che mi affascina, vicino alla mia generazione. Mi emoziona l’idea di far parte di un grande progetto, tutto internazionale, con collaborazioni e grandi artisti forti in questo genere. Amo le sfide e questa è un bel banco di prova! Ho un ottimo rapporto con il mio produttore che ha saputo aiutarmi a superare la difficoltà del lockdown in cui ho dovuto adattarmi a lavorare da casa e non in studio come di consueto. Stiamo preparando già la seconda “tappa” di questo percorso con un nuovo singolo col quale spero davvero di stupirvi!

Non appena possibile, qual è la prima cosa che farai?

Uscire, intanto e tornare a vivere, finalmente! Questo è l’augurio che faccio a ognuno di noi, non solo ai giovani, ma anche e soprattutto, a quelle persone che sono più fragili… ai nostri anziani. Noi ragazzi, abbiamo la vita davanti, ma per chi ne ha già vissuta una buona parte, questi mesi, quest’anno così difficile, pesa molto di più. Quest’anno avrò anche la maturità, resa anche più complicata, dalle lezioni on line e non in presenza, insomma una serie di ostacoli e adattamenti che, spero, mi rendano capace di superare le difficoltà.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi