Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Beppe Convertini presenta la sua mostra: “La loro vita non è un gioco. – Acqua, salute e istruzione per i bambini del Myanmar”

E’ stata inaugurata il 25 ottobre una la mostra fotografica di Beppe Convertini realizzata insieme a Sara Melotti visitabile presso il Palazzo Lombardia a Milano fino al 14 novembre. Il titolo dell’esposizione fotografica è “La loro vita non è un gioco. – Acqua, salute e istruzione per i bambini del Myanmar. Alla serata d’inaugurazione della mostra video erano presenti il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, l’Assessore regionale al lavoro e all’Istruzione Melania Rizzoli, il Segretario Generale di Terre Des Hommes Donatella Vergari, Susanna Messaggio, Jo Squillo, Federica Torti. Justine Mattera, Elisa d’Ospina alla presenza di centinaia di ragazzi delle scuole lombarde e tanti amici dell’attore conduttore.
La mostra andrà avanti sino al 14.11 a Palazzo Lombardia in Piazza Città di Lombardia per poi approdare a Martina Franca a Palazzo Ducale e quindi a Roma a Palazzo Doria Pamphili nel nuovo anno. Sono in mostra 70 foto e i video della missione umanitaria che Convertini ha realizzato in Myanmar per Terre Des Hommes.
“Questa esperienza mi ha fatto capire quanto io sia un uomo fortunato e che nella vita quotidiana bisogna cercare di mantenere i piedi per terra e non lamentarsi delle piccole e stupide cose che non vanno ma soprattutto mi ha fatto sentire vivo perché finalmente mi sono reso utile realmente donando il mio tempo ai bambini birmani privati di tutto anche di un futuro.- Ha dichiarato Beppe. La loro vita non e’ un gioco-acqua, salute e istruzione per i bambini del Myanmar e’articolata in quattro sezioni la prima e’ la sicurezza alimentare e nutrizione, la seconda la gestione sostenibile delle risorse idriche ,la terza il diritto all’istruzione vale per tutti e la quarta coltivare saperi e sapori. un orto a scuola perché?
Beppe Convertini ambasciatore di Terre Des hommes ha poi aggiunto:‘E’ un dovere morale per chi fa il mio lavoro mettere a disposizione la propria popolarità per chi ha più bisogno. Ho perso mio papà a 17 anni per un cancro ai polmoni e ogni sera alcuni medici volontari venivano a casa prendendosi cura moralmente e medicalmente di mio padre. Lui aveva tra le varie metastasi una esterna sul viso e tutte le sere loro tamponavano la fuoriuscita di sangue e lo sostenevano moralmente e tutto ciò lo facevano gratuitamente e questo mi ha spinto ad essere davvero disponibile per il prossimo e quindi impegnarmi in tante campagne sociali e soprattutto a spendermi personalmente sul campo come in questo caso in Myanmar. Mi sono occupato dell’educazione,dell’istruzione,dell’alimentazione,dello sfruttamento del lavoro minorile. Dall’alba a sera tardi nelle baraccopoli di Yangoon approvvigionavamo le famiglie meno abbienti di viveri e medicinali e quindi visite nelle scuole per rifornire di libri,quaderni, penne matite e tutto il necessario per poter studiare dedicando il tempo ai cuccioli birmani studiando e giocando con loro!’

 

 

Anna Lamonaca