Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Suck my Blues: a grande richiesta l’album “Rebirth” sarà disponibile in formato digitale

Dal prossimo 28 settembre “Rebirth”, il nuovo album dei Suck my Blues, già disponibile in formato fisico, sarà online su tutte le piattaforme digitali. L’album, prodotto da Cafiero e Michele D’Elia, racchiude dieci brani eseguiti con grande verve compositiva e interpretativa.
“Rebirth”, destinato ad un pubblico internazionale, certifica, oltre all’indiscutibile talento della band, quanto sia attuale ed attraente la dimensione sonora del blues. Il blues è bellezza, narrazione e poesia, ed i Suck my Blues rendono accattivante l’equilibrio tra tradizione ed innovazione con un’ impeccabile fusione di blues, rock ed elettronica. Un lavoro di classe e forza al tempo stesso, che racchiude un messaggio di speranza.
Cafiero (all’anagrafe Salvatore Cafiero), cantante e chitarrista della band, ha raccontato: “Rebirth significa rinascita e rappresenta un nuovo inizio, personale e musicale. E’ un invito a vivere pienamente la vita, uno sprono a rialzarsi, a rimettersi in gioco. L’album è stato realizzato dopo un momento di grande dolore: la morte improvvisa di Jessy Maturo, il cantante dei Super Reverb, avvenuta lo scorso 11 aprile. La storia del gruppo che ho fondato nel 2003, di cui facevano parte anche Tonio Longo (basso) e Filippo Longo (batteria), è finita in quel triste giorno di primavera. A tal proposito è nata l’idea di rinnovare la formazione dei Suck my Blues, progetto ideato a fine 2013, inserendo i miei storici compagni di avventura con l’ingresso di Michele D’Elia (elettro synth). Nel disco è chiaro il ricordo di Jessy, infatti non mancano momenti a lui dedicati. I testi, completamente in lingua inglese, parlano di vita, proprio come il blues, ma in chiave poetica/onirica. Quattro dei brani contenuti nell’album vantano, nella stesura, la collaborazione dell’autore Gianni Montanaro”.


Tracklist “Rebirth”: 1. John The Revelator (Intro); 2. Hysteric And Useless; 3. Madness; 4. Last Night A DJ Saved My Life; 5. Jessy King; 6. Interstellar; 7. Burning; 8. Solitary Man; 9. Suck & Don’t Stop; 10. Monday Blues.
La scelta iniziale della band di pubblicare il progetto solo in formato fisico, per spronare la gente a riscoprire il fascino dell’acquisto di un disco, è stata ritrattata per soddisfare la cospicua richiesta del pubblico.
Alla pubblicazione dell’album in digitale seguirà la seconda parte del “Rebirth Live Tour 2018”, uno show entusiasmante che durante i vari appuntamenti tenuti nei mesi di luglio e agosto ha registrato un elevato numero di partecipanti. I Suck my Blues incantano la platea con l’energia della loro musica ed uno stile che genera empatia.

 

 

Redazione LU Magazine