Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

5.500.000 € per “La collezione del Re”: Antonio Luise rifiuta l’offerta di un misterioso sceicco

Ritorna a far parlare di sé, o meglio del suo “tesoro”, l’imprenditore Antonio Luise. Come è noto a molti, nel corso del tempo la famiglia Luise, grazie anche alle amicizie del padre Salvatore, ha accumulato negli anni un numero enorme di cimeli appartenenti a Maradona: 155 oggetti indossati dal Pibe de oro che sono diventati ben presto un vero e proprio museo, cui Luise ha dato il nome: “La collezione del Re”.
Da tempo l’intero museo è oggetto di numerose richieste da parte di diversi sceicchi. La proposta più importante, arrivata il 29 giugno intorno alle 19.30, è di 5 milioni e mezzo di euro, che riguarda l’intero museo, compresa la maglia del primo tempo dell’ ‘86.
Un’offerta rifiutata da Antonio Luise per una questione affettiva, in quanto i cimeli gli furono regalati dal padre e da Andrea Carnevale.
Luise ha dichiarato: “Un’offerta sicuramente importante ma che senza ombra di dubbi mi sono sentito di rifiutare, sia per il valore affettivo, ma innanzitutto perché ritengo che i cimeli in mio possesso valgano molto di più rispetto all’offerta”. Inoltre l’imprenditore di Castel Volturno conclude: “Attualmente la collezione non è in vendita anche perché stiamo organizzando una mostra mondiale grazie anche all’impegno di un noto avvocato che ha preso in esclusiva l’intero museo”.
La scelta di Luise dimostra che ci sono ancora persone che credono negli affetti e nei valori, i quali non hanno alcun prezzo.

 

Marcella Panetta