Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Carl Brave x Franco126 il 12 Luglio al Rock in Roma 2018

Il loro album d’esordio “Polaroid” ha conquistato il pubblico con velocità istantanea.  Decretato disco del 2017 da Rolling Stone e certificato disco d’oro, ha sancito un successo che si è tradotto in veri e propri bagni di folla durante i concerti.
Ora Carl Brave x Franco126 sono pronti a tornare nella loro Roma per un live che si preannuncia imperdibile e ricco di sorprese. Il duo arriverà infatti al Rock in Roma 2018 con uno show inedito: si esibiranno il 12 luglio all’Ippodromo delle Capannelle. Ad accompagnarli dal vivo una “big band”, sempre più solida e abile nel vestire i brani dei “due fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini” di un sound ancora più denso e grondante groove. 
“Polaroid” è la raccolta di istantanee che fermano il frammento di una storia, un attimo che non tornerà mai più uguale a sé stesso, e proprio per questo fragile ed irripetibile.  Sullo sfondo c’è sempre Roma, a “scattare” però non c’è una macchina fotografica, ma lo sguardo sincero di Carl Brave e Franco126, prima amici che musicisti, prima per strada che in studio. Nelle loro canzoni la città eterna esce dalla solita retorica in cui è intrappolata nell’immaginario collettivo, per vestire i panni di una metropoli contemporanea, cosmopolita, carica di contraddizioni e per questo ancor più poetica. Pezzi scritti e prodotti in una mansarda trasteverina e poi pubblicati su Youtube di getto, spinti dall’urgenza di dire e fare, immagini lampo della vita di tutti i giorni, piccoli dettagli e situazioni tra le cui trame si annida la magia del quotidiano. Come i vicoli del tredicesimo rione, così anche chitarre acustiche su batterie elettroniche si intrecciano in maniera armonica sulla stessa traccia. Auto-tune e sax, trap e hip-hop convivono in maniera unica e personale, come è unica e personale la via musicale che i due ragazzi dall’altra parte del Tevere si stanno aprendo davanti al loro passaggio.

C.S.