Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Depressione, dormire meno aiuterebbe a ridurre i sintomi della patologia

Dormire meno potrebbe ridurre la depressione. E’ l’affermazione un maxi-studio pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry, basato sull’analisi dei dati di 66 studi condotti in oltre 36 anni di ricerca su questa materia.
Dalla analisi, coordinata da Philip Gehrman della Perelman School of Medicine della University of Pennsylvania, è emerso che dormire per 3-4 ore e per le restanti 21-20 restare svegli migliora i sintomi della depressione molto rapidamente, anche nel giro di un giorno, a differenza dei farmaci specifici che iniziano a funzionare dopo settimane di utilizzo.
Dallo studio è emerso anche che la metà dei pazienti depressi, indipendentemente dal sesso e dal tipo di depressione, possono giovarsi di questa terapia non farmacologica e ad effetto rapido.
Resta da capire in che modo la carenza di sonno, ovviamente gestita da uno specialista e non con il ‘fai-da-te’ che potrebbe portare solo a tanta stanchezza e conseguenze negative, eserciti i suoi effetti antidepressivi rapidi.

 

 

 

Redazione LU Magazine